Blog

I droni non possono sostituire i fuochi d’artificio questo 4 luglio … perché si bagnano

I droni non possono sostituire i fuochi d'artificio questo 4 luglio ... perché si bagnano

I droni non possono sostituire i fuochi d'artificio questo 4 luglio ... perché si bagnano

I fuochi d’artificio sono stati con noi per 1000 anni, poiché la loro invenzione può essere attribuita a un cinese dell’epoca. Non si sa esattamente, ma la verità è che portano con noi molto, più di quanto pensiamo. Adesso, la pirotecnica più tradizionale sta per essere sostituita dai droni.

Ieri è stato annunciato a molti media che Aspen, un comune del Colorado (Stati Uniti), avrebbe sostituito i fuochi d’artificio questo 4 luglio (giorno in cui gli Stati Uniti celebrano l’indipendenza) con i droni, principalmente a causa dei rischi di incendio nel comune (in diversi luoghi negli Stati Uniti si sono verificati incendi causati da pirotecnici in zone con siccità).

Ma ieri, invece, non c’era spettacolo per un problema: la pioggia. Ed è ora che ci rendiamo conto del grande svantaggio di questa tecnologia. Gli incendi sono destinati a essere sostituiti: il rumore (che spaventa cani e ammalati, e può provocare anche infarti in questi settori) e anche gli incendi che possono essere provocati; ma i droni abbiamo visto che la festa può aspettarci.

I droni sono il (quasi) perfetto sostituto dei fuochi d’artificio, ma se si bagnano non funzionano

fuochi d’artificio droni olimpiadi invernali corea del sud

Sempre più città li hanno banditi: Roma e Pechino sono alcuni degli esempi di grandi città che hanno fatto a meno dei fuochi d’artificio per entrare nel nuovo anno. Nella città italiana proprio a causa dei cani; e in Cina a causa dell’inquinamento. Sono semplicemente destinati a scomparire, per fortuna o sfortuna, per qualsiasi motivo.

I droni che avrebbero usato ad Aspen non fanno alcun rumore (quello con le lame, ma è piccolissimo), né big bang né ruggitiInoltre non inquinano né generano rifiuti. Lo spettacolo non è lo stesso ovviamente ma è altrettanto impressionante. Possiamo vederlo nel seguente video di YouTube:

Ma certo, Forse non è stato contato che, a differenza dei pirotecnici tradizionali, i droni (Almeno per il momento) non possono volare sotto la pioggia. I pirotecnici tradizionali, nonostante quello che si potrebbe pensare, se puoi lanciarti sotto la pioggia, devi solo proteggere le canne delle armi con la plastica in modo che non si bagnino.

E, infatti, l’unico impedimento per non gettarli sotto la pioggia è che potrebbero non esserci spettatori. Dal punto di vista tecnico non ci sono problemi; E di solito si fa, perché molte volte vale la pena lanciarli anche se il numero di spettatori può essere inferiore.

Per il momento il comune di Aspen ha rinviato gli incendi ad oggi, un giorno dopo, anche se il risultato potrebbe essere lo stesso, visto che potrebbe piovere di nuovo.

Articoli correlati

Botón volver arriba

Ad blocker detected

You must remove the AD BLOCKER to continue using our website THANK YOU