BlogMobile

Questa è la navicella spaziale SpaceX con la quale l’essere umano raggiungerà Marte

viaje-a-marte-spacex

A causa della sua composizione stretta, somiglianze con la Terra, potenziali risorse per stabilire una colonia con i giusti adattamenti artificiali e la necessità immediata di avere un piano B per quando questo pianeta non può più far fronte – e qui anche i disastri naturali a livello di estinzione sono incluso. -, la prossima destinazione per la civiltà umana è Marte, infatti, sta per diventare una specie multiplanetaria.

Questa è la visione, e ancora più importante, il piano di varie aziende, a partire da quelle di SpaceX che, comandata da Elon Musk, CEO di Tesla -tra altre società e progetti-, ha già più che avanzati prototipi, dettagli e date a rendere il problema una realtà e in meno di due decenni, la prima parte dell’obiettivo previsto è quello di ottenere veicoli riutilizzabili e viaggi a prezzi accessibili.

Schema e costi generali della missione

Certo, quest’ultimo è vitale quanto la costruzione di città marziane perché con i metodi usuali, si stima che un viaggio su Marte costi circa 10 miliardi di dollari a persona, ma SpaceX mira specificamente a riuscire a equiparare il prezzo del mantenimento di un casa media. nel territorio nordamericano Le chiavi? Attrezzature e risorse completamente riutilizzabili e ricaricabili in orbita che possono essere generate sulla superficie di Marte o con l’aiuto del sole.

Schema della missione di andata e ritorno

Pertanto, l’idea di SpaceX è di mettere in pratica tutto ciò che ha sviluppato in termini di razzi riutilizzabili per inviare le prime navi, nello specifico, riportando indietro i razzi e i carri armati e in modo controllato non appena le navi possono essere portate nello spazio in un Due -processo in fase (prima la navicella viene messa in orbita e poi una squadra viene inviata a riempire il serbatoio del carburante), che consente di utilizzare questo sistema di impulsi e ricaricare immediatamente con altre navi.

Ogni razzo o booster supporterà fino a 1.000 utilizzi, ciascuno petrolierao riempire il serbatoio 100 usi e ogni nave 12 usi compresi i viaggi di andata e ritorno. C’è già una nuovissima simulazione video che mostra il percorso completo di una missione comune:

La nave e il suo razzo

Sistema di trasporto interplanetario È come riferimento la combinazione razzo / serbatoio sviluppata da SpaceX. Detto veicolo marziano avrebbe una struttura in fibra di carbonio, alimentata da CH4 / 02, pressurizzazione autogena, quasi il doppio dell’altezza di un Falcon 9 – un altro razzo che SpaceX ha utilizzato nei test di riutilizzo – e capacità di carico 24 volte maggiore.

Pannelli solari della nave

I mostri incaricati di generare e caricare carburante sarebbero iRaptor Enginementre il razzo aveva circa 28.000.000 di libbre di spinta al decollo -500.000 per ciascuno motore rapace-. Da parte sua, la nave, di circa 17 metri di diametro e 49,5 di lunghezza, oltre a un design ispirato alle navi SpaceX Dragon, cercherebbe di trasportare fino a 100 passeggeri per viaggio e potrebbe resistere fino a più di 1.650 gradi Celsius, che affronterebbe entrando nelle atmosfere da entrambi i pianeti.

Il resto avrebbe a che fare con l’impianto di generazione chimica del propellente costruito dal primo viaggio su Marte e presentato nel seguente schema: la magia sarebbe nel ghiaccio e nell’anidride carbonica:

La chimica dietro la centrale elettrica

Costi, date e prossime destinazioni

Il costo per missione è stimato intorno ai 62 milioni di dollari (11 milioni per il razzo, 8 milioni per il viaggio di ricarica e 43 milioni per la nave) con un costo per tonnellata inferiore a 140.000 dollari. Dalle date, come abbiamo commentato in un precedente articolo ed è ora confermato, inizieranno le loro esplorazioni nel 2018 e i primi viaggi con l’uomo dopo il 2023.

I prossimi passi sulla strada per Marte da SpaceX

Per quanto riguarda le prossime destinazioni, Giove, Enclado (la luna di Saturno), Europa (la luna di Giove) e Saturno saranno le prossime nell’elenco che la nuova specie umana interplanetaria dovrebbe coprire.

Per ulteriori informazioni, vale la pena controllare il sito spacex.com/mars dove l’intera lezione di Elon Musk è stata condivisa in video insieme alla presentazione PDF che ha occupato il personaggio, inoltre, in @spacex e @elonmusk, vengono pubblicati aggiornamenti e dettagli occasionale di grande interesse.

Articoli correlati

Botón volver arriba

Ad blocker detected

You must remove the AD BLOCKER to continue using our website THANK YOU