ApplicazioniBlog

Virtual Reality Controller per finger tracking, creato da Sony

controlador rv sony

Recentemente un gruppo di persone appartenenti alla divisione intrattenimento di Sony ha realizzato lo sviluppo di un controller che, assicurano, replica i movimenti delle mani e delle dita di un giocatore.

I dettagli di questa invenzione sono stati pubblicati in un articolo intitolato Valutazione di tecniche di machine learning per stimare la postura della mano su un dispositivo portatile con sensore di prossimità.

In generale, la tecnologia presente nelle applicazioni di finger tracking, come Oculus Quest, è stata supportata da fotocamere che registrano il movimento delle dita. In questo senso, si è recentemente vista sul mercato la presenza di sensori di prossimità capacitivi, che forniscono un metodo di riconoscimento del movimento più ottimale e preciso.

Tuttavia, secondo Kazuyuki Arimatsu e Hideki Mori, ricercatori di Sony, il rilevamento delle telecamere è interferito a causa dell’azione esercitata dai controller fisici, questo è il motivo per cui la tecnologia coinvolta nei sensori di prossimità era ancora. dove è necessario migliorare e perfezionare, rendendo difficile registrare con precisione il movimento della mano.

È qui che, per risolvere il problema, i ricercatori hanno deciso di realizzare un prototipo di controller portatile per camper con 62 elettrodi integrati, che hanno poi utilizzato per registrare un set di dati di allenamento utilizzando un sistema di monitoraggio ottico, uno sforzo che ha permesso loro di catturare il movimento delle mani di diverse dimensioni di 12 persone.

Nelle parole di Arimatsu e More riguardo allo scopo della loro creazione, hanno indicato quanto segue:

Il nostro obiettivo è estendere il limite della capacità di tracciamento delle dita per un’interazione più intuitiva utilizzando le mani nello spazio virtuale.

Oltre a questo, i ricercatori hanno sottolineato che, a differenza di altri, il loro controller RV si concentra non solo sul rilevamento del tocco delle dita su uno specifico elettrodo, ma anche sulla determinazione del movimento completo delle dita in uno spazio tridimensionale, fornendo i valori di tutti i sensori.

Per ottenere questo risultato, Arimatsu e Mori hanno proceduto alla valutazione di due tipi di architetture di rete neurale convoluzionale, che hanno poi applicato nel campo della visione artificiale per prevedere la postura e quindi mappare l’architettura appropriata per i sensori del controller RV.

Nel video dimostrativo possiamo notare la mano di un utente e la sua rappresentazione digitale che compie alcuni gesti come l’apertura e la chiusura, la rotazione del pollice, il conteggio, il segno della pace, l’estensione delle dita e il simbolo della telefonata rappresentata con il pollice e il meique esteso.

Per quanto riguarda il futuro, il team ritiene che questa tecnologia potrebbe estendere il suo utilizzo oltre il campo dei giochi ed essere implementata in applicazioni di comunicazione non verbale.

Articoli correlati

Botón volver arriba

Ad blocker detected

You must remove the AD BLOCKER to continue using our website THANK YOU